HomeAttualitàCampania, piano socio-economico: 400 milioni per famiglie e imprese

Campania, piano socio-economico: 400 milioni per famiglie e imprese

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
492,457
Totale Casi Attivi
Updated on 30 November 2022 6:34
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Piano socio-economico da 400 milioni di euro presentato dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha presentato un piano socio-economico da 400 milioni di euro per cittadini ed imprese per far fronte alle difficoltà di questo periodo di rincari.

“Due anni fa, in piena pandemia, – dichiara il Governatore della Campania – abbiamo approvato un piano socio-economico del valore di 1 miliardo e 20 milioni di euro. Oggi facciamo la stessa operazione: variamo un piano di aiuti alle famiglie e alle imprese di 400 milioni di euro, il massimo sforzo che possiamo fare in questo momento.

Gli aiuti consistono in:

  • un voucher ulteriore alle famiglie per gli asili nido;
  • un contributo, fino a 500 euro, per l’attività sportiva delle ragazze e dei ragazzi;
  • blocco delle bollette dell’acqua (la Regione si fa carico dei costi della depurazione che si sarebbero scaricati sulle famiglie);
  • contributi alle aziende per la realizzazione di impianti di energia da fonti rinnovabili;
  • un contributo del 30% alle aziende per gli aumenti delle bollette superiori a 5mila euro;
  • sostegno alle donne vittime di violenza e ai loro figli.
    Tutto questo si aggiunge a misure che sono già in atto:
  • trasporto gratuito per gli studenti fino a 26 anni (unica Regione d’Italia);
  • borse di studio per le ragazze e i ragazzi con innalzamento della soglia di reddito Isee;
  • contributo fitti per le abitazioni fino a 1.000 euro per oltre 70.000 famiglie.

Abbiamo fatto come Regione Campania uno sforzo enorme. Ci auguriamo adesso che Governo e Parlamento, avendo più risorse a disposizione, decidano in fretta le ulteriori misure perché le famiglie non ce la fanno più”, conclude De Luca.