HomeAttualitàBusitalia Campania, addio a CSTP dal 1° gennaio

Busitalia Campania, addio a CSTP dal 1° gennaio

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
251,970
Totale Casi Attivi
Updated on 28 January 2023 13:19
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Dal 1° gennaio 2017 la nota azienda dei trasporti Cstp sarà sostituita dalla neonata BusItalia Campania del gruppo Fs Italiane

[ads1]

Si vociferava già da mesi e ora sembra essere ufficiale: la Campania dirà addio alla CSTP in favore della neonata BusItalia Campania (BIC).

Lo si legge in una comunicazione sul sito ufficiale della nota azienda di trasporti di Salerno, che da ormai tempo annuncia il fallimento.

La nuova azienda, nata nei mesi di luglio di quest’anno e di proprietà delle Ferrovie dello Stato Italiane, erogherà i servizi della CSTP dal primo gennaio 2017.

I vecchi titoli di viaggio potranno continuare ad essere utilizzati fino ad esaurimento delle scorte. Lo stesso dicasi per gli abbonamenti mensili di gennaio 2017 e gli annuali.

I nuovi titoli di viaggio Busitalia Campania, presumibilmente in vendita da febbraio 2017, saranno acquistabili con le stesse modalità ed allo stesso prezzo sia nelle rivendite autorizzate (bar, edicole e tabaccherie), sia a bordo dei bus, a prezzo maggiorato.

Da CSTP a BIC (BusItalia Campania): cosa cambia?

Sono ormai anni che il trasporto pubblico locale in Campania verte in una profonda crisi. E non parliamo solo del classico malcontento che dilaga nell’opinionismo cittadino (in tutte le città infatti c’è chi si lamenta dei trasporti pubblici) ma di una lacerante difficoltà economica che si annuncia dal lontano 2012.

Già da quell’anno, infatti, in seguito al fallimento dell’azienda di Caserta ACMS, la situazione dell’azienda di trasporto di Salerno e Provincia annunciava l’imminente fallimento. Da una parte, l’ex Sindaco di Salerno De Luca accusava la Regione di non investire nel trasporto se non per la città di Napoli per la quale l’ente espletava 25 mln di euro. Dall’altra, la Regione (tramite l’Assessore Vetrella) accusava il Sindaco salernitano di nascondere la pessima gestione pluriennale dei trasporti di Salerno.

A distanza di anni, dopo una lunga agonia e accuse bipartisan, la CSTP si aggiunge ai fantasmi del passato che con il nuovo anno siamo pronti a salutare. I cittadini di Salerno per ora non possono far altro che affidarsi ai buoni propositi della BusItalia Campania e sperare che il nuovo anno porti con sé nuovi mezzi di trasporto e nuove assunzioni.

[ads2]