Omicidio Buonabitacolo, la ricostruzione dei carabinieri

pascuzzo, buonabitacolo
Foto: Antonio Pascuzzo

Omicidio Buonabitacolo: presentati questa mattina i risultati delle indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina. Le immagini della tragedia

Si è tenuta questa mattina la conferenza dei Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina durante la quale sono stati illustrati i risultati delle indagini relative all’omicidio Pascuzzo. Di seguito le immagine raccolte a seguito dei rilievi effettuati.

Il fatto

Buonabitacolo, nella notte, a seguito di una serrata e tempestiva attività investigativa, i Carabinieri di Sala Consilina hanno fermato con l’accusa di omicidio un 18enne incensurato, apprendista macellaio, ritenuto responsabile anche dell’occultamento del cadavere di Antonio Pascuzzo, il 19enne scomparso dalla propria abitazione il 6 aprile scorso.

Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 16:20 circa, in seguito alla denuncia di scomparsa del giovane, è stato rinvenuto grazie ad attività investigative tempestive il cadavere del 19enne in avanzato stato di decomposizione. Il corpo è stato ritrovato tra la vegetazione contigua al greto del torrente “Peglio”. Riportava 7 fendenti letali nella zona toracica e dorsale.

E’ stata parzialmente ricostruita una prima dinamica del delitto: il ragazzo fermato avrebbe infatti ammesso le proprie responsabilità riguardo all’omicidio, avvenuto la sera stessa della scomparsa di Pascuzzo. Il 18enne avrebbe ucciso per impossessarsi di alcuni grammi di marijuana che l’altro ragazzo possedeva. Il corpo è stato così trascinato per circa 50mt e infine gettato da un dislivello di almeno 5 metri. La salma sarà sottoposta ad autopsia nella giornata di domani.

Il giovane fermato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Potenza.