Home Territorio Cava de' Tirreni Sabato Bisogno è il nuovo presidente ATSC Cava

Sabato Bisogno è il nuovo presidente ATSC Cava

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
155,442
Totale Casi Attivi
Updated on 22 October 2020 0:04
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Sabato Bisogno è il nuovo Presidente dell’Associazione Trombonieri Sbandieratori e Cavalieri di Cava de’ Tirreni

[ads1]

Sabato Bisogno è il nuovo presidente dell’associazione Trombonieri Sbandieratori e Cavalieri di Cava de’ Tirreni. Questo quanto emerso lo scorso 31 ottobre durante le elezioni per il rinnovo delle cariche – giunte a fine mandato – dell’ATSC. Dalle urne, infatti,  è emersa la volontà di affidare la Presidenza a Bisogno, già Presidente dei “Pistonieri Santa Maria del Rovo”. Eletto anche il nuovo Consiglio Direttivo, del quale fanno parte Paolo Apicella, Presidente uscente dell’ATSC e Presidente degli “Archibugieri SS. Sacramento”, ed Alessandro Falcone, Vicepresidente dei “Trombonieri Borgo Scacciaventi-Croce”.

SabatoUn compito difficile e di grande responsabilità, quello che attende Sabato Bisogno, in primo luogo per la necessità di coniugare e coordinare realtà associative diverse per esigenze e natura. Una sfida che il neo Presidente accetta, manifestando la sua intenzione di rendere partecipi tutte le realtà riunite nell’ATSC nel rinnovare e rilanciare la “Disfida dei Trombonieri” e nel valorizzare il ruolo di trombonieri, sbandieratori e cavalieri all’interno dello scenario turistico cavese.

La Presidenza Bisogno farà del dialogo l’arma vincente per far crescere l’intero movimento storico-folkloristico, senza favorire gli interessi di pochi singoli a discapito di quelli generali. L’ATSC ha, infatti, il precipuo obiettivo di promuovere le tradizioni storico-folkloristiche metelliane attraverso il coordinamento degli 11 sodalizi che la compongono e l’organizzazione di eventi rilevanti e potenzialmente strategici per il turismo cavese. L’ATSC rappresenta, inoltre, il riferimento istituzionale per circa 1200 figuranti, donne e uomini che hanno l’esigenza di veder riconosciuti e difesi la propria passione ed i propri sacrifici.