HomeAttualitàBellizzi, chiude lo stabilimento Maccaferri. Le parole del Sindaco

Bellizzi, chiude lo stabilimento Maccaferri. Le parole del Sindaco

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
492,457
Totale Casi Attivi
Updated on 29 November 2022 12:33
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Chiude lo storico stabilimento Maccaferri, per i lavoratori ci sarà un anno di cassa integrazione. Il Sindaco di Bellizzi esprime solidarietà

Chiude lo storico stabilimento “Meccaferri” di Bellizzi. Il Sindaco Mimmo Volpe esprime tutta la sua solidarietà per i lavoratori, destinati ad un anno di cassa integrazione.

Sono al fianco dei lavoratori. Lo storico stabilimento Maccaferri chiude. Stamattina hanno comunicato la cessazione delle attività. I lavoratori Andranno in cassa integrazione per un anno. Dobbiamo recuperare urgentemente il tavolo nazionale al Ministero delle Attività Produttive. Ho già comunicato al Prefetto la mia disponibilità. Li accompagnerò nella vertenza non appena il Ministro darà le deleghe ai Sottosegretari. In Emilia Romagna stanno ricollocando tutti i lavoratori del gruppo Maccaferri. Credo che è una ingiustizia. Il gruppo Maccaferri che ha una lunga tradizione sociale oltre che imprenditoriale con questa vertenza la sta completamente offuscando. Non si possono trattare 32 lavoratori come degli emeriti abusivi anonimi. Hanno dato la vita perché sono figli dei figli che hanno arricchito il gruppo e le sue holding. Tutta la mia solidarietà al fianco dei lavoratori“.

Dalla Cisal

La chiusura dell’azienda Maccaferri in piena pandemia è inaccettabile. Prefettura e Confindustria uniscano le proprie forze per salvare le sorti dei lavoratori“. Così Gigi Vicinanza, segretario generale della Cisal Metalmeccanici Salerno, interviene sull’ennesima crisi del lavoro in provincia. “La Maccaferri è la storia dell’industria salernitana per antonomasia. Un’intera comunità, come quella di Bellizzi, si è costituita attorno a questa azienda. Vederla chiusa in videoconferenza, in piena emergenza Covid-19, è uno scandalo. Ecco perché chiedo a Prefettura e Confindustria di unire le forze con i sindacati e attuare ogni misura per scongiurare i licenziamenti. Si verifichi anche se la proprietà della Maccaferri possa attuare una strategia del genere in un momento storico così complicato per l’economia mondiale“.