Home Territorio Battipaglia Battipaglia, l'annuncio di Trenitalia: niente alta velocità

Battipaglia, l’annuncio di Trenitalia: niente alta velocità

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
796,849
Totale Casi Attivi
Updated on 24 November 2020 12:49
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Doccia fredda per l’amministrazione Francese. Trenitalia ha annunciato che i treni ad alta velocità non faranno tappa a Battipaglia

Niente alta velocità per Battipaglia. Il Comune della Piana del Sele, come riportato nell’edizione odierna de “La Città”, non beneficerà dei collegamenti veloci su rotaie messi a disposizione da Trenitalia.

Una notizia rilevante considerando che, nei primi sei mesi di amministrazione Francese, la questione aveva occupato le prime pagine dell’agenda politica e l’accordo sembrava ormai essere perfezionato sotto ogni punto di vista.

Ed invece, così non è stato. I vertici di Trenitalia hanno, infatti, inviato una nota a Palazzo di Città che sancisce l’impossibilità a provvedere a tale collegamento in quanto “non vi sono le condizioni per prevedere ulteriori fermate dei treni Frecciarossa tra Salerno e Taranto”.

Ma non è tutto. Nella lettera, a firma di Alberto Sebastiano Scattone, responsabile delle relazioni istituzionali  all’interno del management dell’azienda statale, si legge che non saranno assegnate a Battipaglia neppure le fermate dei treni “Frecciabianca” che collegano Roma a Reggio Calabria.

Uno stop vero e proprio per l’amministrazione Francese che, come detto, mirava a beneficiare del prolungamento sulla linea Potenza-Taranto avviato lo scorso 11 dicembre 2016 di una coppia di treni “Frecciarossa” che percorrevano la tratta tra Milano e Salerno.

A questo punto, la sindaca di Battipaglia dovrà necessariamente provare ad interagire con il governatore campano Vincenzo De Luca affinchè quest’ultimo opti per lo stanziamento di fondi.

Infatti, quanto accaduto in relazione al prolungamento sulla linea Potenza-Taranto, costituisce un un nuovo servizio attuato in via sperimentale. Ed i vertici di Trenitalia ci tengono a precisare che tale prolungamento “è stato richiesto dalla regione Basilicata, che sostiene interamente l’onere economico derivante dal disavanzo”.

Nel frattempo, l’amministrazione aveva già programmato dei lavori per innalzare i marcipiedi dei binari 2 e 3 e consentire la fermata in città. Una fretta evidentemente cattiva consigliera.

Battipaglia

Il commento di Vincenzo Inverso

Sulla questione, intanto, è intervenuto Vincenzo Inverso, coordinatore provinciale di Centristi per l’Italia. Direttamente dalle colonne de “La Città”, queste sono state le sue parole dopo l’annuncio di Trenitalia:

“Devo constatare che qualcuno gioca sulla pelle dei battipagliesi. Gli amici di Fratelli d’Italia, in uno slancio elettorale, hanno mentito alla città sapendo di mentire. Gambino da Pagani, con la complicità di Tozzi, non può prendere in giro Battipaglia. L’invito alla sindaca Francese è di avocare a sè il tutto e, oltre ogni singola appartenenza partitica, richiedere un tavolo urgente con Trenitalia e De Luca”.

Le dichiarazioni di Alessio Cairone

Immediato anche il commento di Alessio Cairone, consigliere d’opposizione, il quale ha affidato ai social network le sue prime impressioni derivanti dalle comunicazioni di Trenitalia:

“Il dispiacere non manca, poteva essere una gran buona opportunità per Battipaglia. Ciò che ancora più rammarica sono le dichiarazioni di qualche mese fa fatte dal sindaco e da alcuni membri della maggioranza: da quanto dichiarato sembrava fosse già stato stipulato il contratto ed invece, probabilmente, si trattava semplicemente di una richiesta. Bisogna ritornare ad essere seri, non servono a niente questi spot elettorali se non ad aumentare il distacco tra i cittadini e le istituzioni”.