Battipaglia, furto di gasolio e resistenza: fermato un marocchino

battipaglia

Un marocchino è stato arrestato dai Carabinieri di Battipaglia per resistenza a pubblico ufficiale e possesso di attrezzature per furto di gasolio

Importante operazione da parte dei Carabinieri di Battipaglia, coordinati dal maggiore Sisto: durante i controlli sul territorio, nella notte tra sabato e domenica, un’autovettura (una Polo con targa bulgara) ha forzato un posto di blocco presente nella zona di Lido Lago, sito nella parte litorale del battipagliese.

Dopo un inseguimento da parte dei Carabinieri, la macchina è andata ad infrangersi contro un guard-rail, fortuntamente senza conseguenze per le persone a bordo.

Sulla vettura erano presenti tre marocchini, di cui due sono riusciti a scappare mentre l’autista è stato arrestato. Al controllo, è risultato irregolare sul territorio italiano: si tratta di un classe ’89 (le sue iniziali sarebbero M.Z., ma non accertate). All’interno della macchina sono state ritrovate delle taniche di benzina (vuote) da 500 litri l’uno, più altro materiale per il furto di gasolio come attrezzi da scasso e un tubo di gomma per rubarlo. L’operazione dei malviventi doveva essere compiuta presso un’azienda agricola, già coinvolta in passato per episodi di furti simili. Fortunatamente è stata sventata grazie ai Carabinieri.

Per il marocchino è stato convalidato l’arresto con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, oltre a ricevere l’obbligo di firma presso la Locale Tenenza di Pontecagnano, in quanto ha dichiarato di essere domiciliato (ma non confermato) in quella parte del territorio.

“Un’operazione importante per noi perché va ad interrompere un ciclo di furti di gasolio che andava avanti da settimane, che principalmente riguardava le aziende agricole”, queste le parole del maggiore Vitantonio Sisto della Compagnia Carabinieri di Battipaglia.