HomeTerritorioBaronissiViolenze e minacce all'ex-fidanzata: in carcere un 42enne di Baronissi

Violenze e minacce all’ex-fidanzata: in carcere un 42enne di Baronissi

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
402,802
Totale Casi Attivi
Updated on 7 May 2021 0:13
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

L’ennesimo episodio di violenza e aggressione sulle donne: arrestato e trasportato in carcere un 42enne di Baronissi. Filmava i rapporti con altre persone e minacciava la vittima di renderli pubblici

Operazione avvenuta nella mattinata odierna da parte dei Carabinieri di Battipaglia: il Gip emesso ordinanza di arresto con custodia cautelare in carcere nei confronti di un pregiudicato, residente a Baronissi, classe ’79 italiano C.W.

I capi d’accusa nei confronti di questa persona coinvolta sono maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e lesioni personali. Nel dettaglio, il soggetto in questione ha attuato una serie di maltrattamenti, violenza e minacce nei confronti dell’ex-fidanzata. La donna – originaria di Battipaglia – è riuscita ad esporre denuncia e la Stazione dei Carabinieri ha avviato le indagini.

L’uomo intimava la donna ad avere rapporti sessuali non solo con lui ma anche con un’altra persona, riprendendo questi rapporti e minacciandola di rendere pubblici i video. Inoltre, durante la loro relazione, più volte lei è stata aggredita, minacciata e violentata. Quando ha avuto il coraggio di interrompere la relazione, l’uomo è arrivato ad aggredire anche i familiari di lei, coperto da un passamontagna ed un tirapugni in possesso.

Durante una perquisizione effettuata nella propria abitazione, sono stati rinvenuti tirapugni, coltellini (mai utilizzati durante le violenze) ed è stato accertato che l’uomo aveva trasferito i video dei rapporti sessuali da cellulare sul computer per poter sfruttarli come ricatto nei confronti dell’ex-fidanzata. Le vicende sono consumate tra febbraio e marzo di quest’anno e solo pochi giorni fa la donna ha sposto denuncia presso la stazione di Battipaglia.

Una volta accertati i reati e le violenze nei confronti della donna, i Militari di Battipaglia ha ricevuto l’ok per la misura di custodia cautelare nei confronti di C.W., la misura più grave che il Gip attua per porre fine a questa brutta storia.