HomeAttualitàBaronissi, Valiante: "Inadeguata organizzazione vaccini per bimbi"

Baronissi, Valiante: “Inadeguata organizzazione vaccini per bimbi”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
1,146,034
Totale Casi Attivi
Updated on 6 July 2022 20:49
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Il primo cittadino di Baronissi chiede da tempo più personale temporaneo mettendo anche a disposizione medici in pensione

Mezzo pomeriggio a settimana per le vaccinazioni under 12 è un servizio assolutamente inadeguato e insufficiente. L’organizzazione vaccinale per i bimbi da 5 a 11 anni va migliorata e implementata quantomeno triplicando gli appuntamenti settimanali. Il Direttore Generale e il Direttore del Distretto Sanitario 67 avviino una rimodulazione del calendario perché avanti di questo passo non finiremo di vaccinare i nostri bimbi neanche per l’estate“.

Lo scrive in una nota il sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante. “Il solo turno del sabato mattina – mediamente si somministrano circa 230 dosi – è del tutto sottodimensionato rispetto alle necessità e alle richieste – afferma il sindaco – sono tantissime le prenotazioni rimaste per ora inevase che non consentono una diffusa vaccinazione; e proprio lo scarso numero di bimbi vaccinati ha indotto l’autorità regionale a chiudere la didattica in presenza fino a fine gennaio, nelle more di una imponente campagna vaccinale. Al momento di imponente c’è solo la condizione dell’Asl che non riesce a potenziare turni e vaccinazioni, andando in controtendenza rispetto alle direttive nazionali e regionali“.

Il primo cittadino di Baronissi chiede da tempo più personale temporaneo mettendo anche a disposizione medici in pensione che sarebbero disposti a contribuire gratuitamente alla campagna vaccinale, mettendosi al servizio della città. “Avere più medici consentirebbe di aumentare i turni – conclude Valiante – accelerando le operazioni di vaccinazione, evitando lunghe attese e possibili assembramenti al centro vaccinale, soprattutto in un periodo come questo, con positivi che dilagano. I bimbi non possono più aspettare: senza vaccino, anche per loro, è difficile immaginare una ripresa in sicurezza delle lezioni“.