HomeAttualitàBaronissi, ordinanza per ridurre i consumi idrici

Baronissi, ordinanza per ridurre i consumi idrici

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
914,928
Totale Casi Attivi
Updated on 12 August 2022 23:01
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Il Sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante ha firmato un’ordinanza per ridurre i consumi d’acqua

Per far fronte all’emergenza siccità il sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante ha firmato un’ordinanza per invitare i cittadini a ridurre al minimo l’uso di acqua potabile per usi diversi da quello domestico. Vietato, in particolare, il lavaggio di cortili e piazzali, il lavaggio domestico di veicoli a motore, il riempimento di vasche da giardino, fontane ornamentali e simili, anche se dotate di impianto di ricircolo dell’acqua. Non è consentito, inoltre, prelevare acqua dagli idranti pubblici o privati se non per lo spegnimento di incendi e il consumo di acqua potabile per qualsiasi uso ludico. Si invita al moderato innaffiamento di giardini, prati e orti, in particolare nelle ore diurne. Si raccomanda inoltre di non abusare delle risorse idriche anche negli orari notturni.

E’ un provvedimento di responsabilità, nell’interesse di tutti – spiega il sindaco Valiante – affinché il patrimonio idrico, bene di tutta la cittadinanza, non vada disperso e sprecato inutilmente. In un momento di così grave siccità è necessario adottare ogni utile accorgimento finalizzato al risparmio di acqua per scongiurare eventuali razionamenti. Invito tutti ad un uso razionale e corretto dell’acqua per evitare inutili sprechi: abbiamo adottato anche una campagna di comunicazione che chiede ai cittadini il massimo della responsabilità”. In particolare, l’amministrazione comunale invita i cittadini a controllare che gli impianti idrici e di irrigazione funzionino correttamente, utilizzando lavatrici e lavastoviglie a pieno carico, preferendo la doccia al bagno, chiudendo i rubinetti quando ci si lava i denti, usando l’acqua corrente solo per il risciacquo e non per il lavaggio di piatti e verdure e l’acqua di cottura per annaffiare le piante e ricorrendo il più possibile a fonti idriche alternative per l’innaffiamento di giardini e orti.