HomeTerritorioBaronissiBaronissi, la Lega contro il maxi schermo in anfiteatro per gli Europei

Baronissi, la Lega contro il maxi schermo in anfiteatro per gli Europei

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
87,710
Totale Casi Attivi
Updated on 21 June 2021 14:30
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

La Lega Baronissi si schiera contro la decisione del Comune di installare un maxi schermo in anfiteatro per vedere la Nazionale a Euro2020

Il coordinamento cittadino della LEGA Salvini Baronissi, critica fortemente la scelta dell’amministrazione comunale circa la volontà di destinare l’Anfiteatro Comunale a luogo di aggregazione per la visione delle partite giocate dalla Nazionale di calcio ai prossimi europei.

Siamo sbalorditi – dichiara il coordinatore cittadino , Tony Siniscalco – della scelta miope e scellerata dell’Amministrazione comunale. Non ci si rende conto che le attività locali, duramente colpite in questo ultimo anno e mezzo, andrebbero aiutate e agevolate, non certo affossate da politiche che fanno confluire il flusso di persone, in luoghi diversi dalle attività commerciale. Slogan e stelline! Chiediamo ai Baronissesi di spendere e divertirsi nel proprio territorio e aiutare in commercio locale, fin troppo colpito“.

Incalza Domenico Apicella, dirigente comunale della Lega-Baronissi con delega allo sport:Riteniamo che impegnare 3000 euro per proiettare le partite all’Anfiteatro sia un vero spreco di soldi pubblici. Questa bizzarra iniziativa è in netto contrapposizione con gli interessi degli esercizi pubblici che già si stavano organizzando per accogliere i loro clienti ed offrire la visione della partita. Se davvero vogliono promuovere lo sport, potrebbero impiegare molto meglio le risorse del Comune, rendendo le strutture sportive più efficienti con una corretta manutenzione e facendosi promotori di eventi che coinvolgano le società del territorio. Pare che obiettivo l’amministrazione sia l’apparire, dimostrando che qualcosa si fa, anche se inutile per la crescita della città e del suo tessuto sociale ed economico.”