Home Attualità Baronissi, l'impegno di ContrariaMente per la distribuzione di alimenti

Baronissi, l’impegno di ContrariaMente per la distribuzione di alimenti

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
798,386
Totale Casi Attivi
Updated on 25 November 2020 15:51
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Continua l’impegno dell’associazione ContrariaMente di Baronissi al fine di distribuire generi alimentari ai nuclei familiari in difficoltà economica

Fiera dell’operato svolto fino ad oggi, l’associazione ContrariaMente Baronissi continua ad impegnarsi nella sua missione. Dopo la partecipazione alla task force durante il periodo di lockdown con le molteplici iniziative messe in campo a sostegno dei cittadini e dei suoi assistiti, l’associazione prosegue, anche questo mese, una delle attività più importanti.

I volontari, in questi giorni, si sono occupati delle operazioni di carico e divisione delle derrate alimentari. È prevista per oggi, 22 ottobre, la distribuzione dei generi alimentari destinati ai nuclei familiari che vivono un periodo di criticità economica.

Il lavoro dei volontari è reso possibile grazie alla convenzione con il Banco alimentare Campania Onlus e all’ausilio di benefattori del territorio a cui l’associazione e i volontari tutti porgono un dovuto e sentito ringraziamento

Inoltre, il Presidente Tony Siniscalco tramite i propri canali social e quelli dell’associazione fa sapere che è disponibile ad estendere altri aiuti a chiunque si trovasse in condizioni di difficoltà, anche momentanea, dovuta al peggioramento della situazione epidemiologica, al contatto +39 348 2623335 Raffaella.

Continua anche l’appello a tutti i cittadini invece che vogliono donare beni di prima necessità come pasta, omogenizzati, olio, farina, zucchero, biscotti, scatolame, o altri alimenti possono contattare al +39 329 7018570 Piera.

Non accettiamo danaro ma siamo felici di raccogliere qualunque genere possiate regalare. La solidarietà, come la gioia, è più bella se condivisa”, conclude Siniscalco.