HomeTerritorioBaronissiBaronissi, il messaggio di Galdi: "Elenco riservisti anche a Baronissi"

Baronissi, il messaggio di Galdi: “Elenco riservisti anche a Baronissi”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
505,308
Totale Casi Attivi
Updated on 18 April 2021 3:36
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Ritardi e criticità a Baronissi e non solo: il consigliere Luca Galdi lancia l’allarme sulla gestione della campagna vaccinale

La campagna vaccinale stenta a decollare anche nella Valle dell’Irno, e il consigliere comunale di Baronissi Luca Galdi denuncia una gestione non all’altezza da parte delle istituzioni sanitarie:

“Da settimane abbiamo segnalato ritardi e criticità relative alle vaccinazioni anti-Covid per i cittadini della Valle dell’Irno. Ancora oggi, ad esempio, la convocazione dei cittadini che devono recarsi al centro vaccinale di Baronissi riporta un indirizzo errato. Non può essere più tollerata una gestione così superficiale in una fase di grave emergenza sanitaria. Pertanto la richiesta di un incontro urgente avanzata al Prefetto dal sindaco di Baronissi va condivisa e sostenuta”.

Galdi auspica inoltre che anche Baronissi riesca a dotarsi di un elenco riservisti per il vaccino già introdotto in diversi comuni della provincia di Salerno:

“Nella speranza che la richiesta d’incontro venga accolta, colgo l’occasione per invitare il primo cittadino a valutare, d’intesa con i vertici del Distretto 67 dell’Asl, la possibilità di realizzare anche un elenco riservisti per la somministrazione dei vaccini anti-Covid 19. Tale ipotesi è stata, infatti, prevista da un’apposita ordinanza del commissario straordinario per l’emergenza Covid, Paolo Figliuolo.

È di queste ore, inoltre, la notizia che altre realtà della provincia di Salerno hanno ufficialmente avviato la procedura, chiedendo ai cittadini che sono interessati alla somministrazione del siero, di contattare il Centro Operativo Comunale per essere inseriti nell’elenco dei “riservisti”. Ciò consentirebbe di non sprecare dosi e di ottimizzare la campagna vaccinale. Naturalmente il criterio di chiamata dovrà rispettare l’ordine di priorità individuato dal piano nazionale”.