Baronissi Blues Festival con Laurence Jones



Baronissi Blues Festival : lunedì 18 luglio alle ore 21 si potrà assistere gratuitamente, presso l’Anfiteatro Comunale Pino Daniele, all’esibizione di Laurence Jones, il miglior chitarrista dell’European Blues Awards 2015

Il secondo appuntamento del Baronissi Blues Festival 2016, lunedì 18 luglio alle ore 21 presso l’Anfiteatro “Pino Daniele”, vedrà protagonista, direttamente dall’Inghilterra, Laurence Jonesconsiderato un talento naturale nel panorama blues internazionale, “miglior giovane chitarrista agli European Blues Awards” nel 2014 e nel 2015 a soli 23 anni e già in corsa per il 2016.

Baronissi Blues Festival con Laurence JonesMusicalmente collocabile tra Buddy Guy ed Eric Clapton, riviste come Classic Rock e Blues Magazine  lo hanno consacrato come “Future of the blues” e “next big thing”.

Un’ascesa che continua con  What’s it Gonna Be, CD che contiene nove brani inediti (e due cover) tutti ispirati alla vita on the road sperimentata nel tour Blues Caravan del 2014. Il disco è stato registrato a Cambridge, con la produzione dello stesso Laurence affiancato dal bassista Roger Inniss, che con il batterista finlandese Miri Mettinen costituisce la Laurence Jones Band, formazione che lo accompagnerà anche nel concerto del BBF.

Sempre con Roger Innis, Laurence sarà impegnato in una lezione-concerto per chitarra e basso che farà da anteprima al BBF, domenica 17 luglio alle ore 19 al Public House di Fisciano (Salerno) dedicata a musicisti e appassionati del genere, con ingresso libero.

L’opening act del Baronissi Blues Festival di lunedì 18 luglio sarà affidato invece a Massimiliano D’Alessandro, talento salernitano reduce dall’esperienza ad X Factor, già al lavoro al suo EP, frutto di un nuovo sound con un background blues e contaminazioni pop elettroniche: brani inediti scritti in italiano da lui  con la partecipazione di artisti del territorio campano (produzione Casa Lavica).  Nato a Salerno, il 10 febbraio del 1981, Massimiliano impara a suonare la chitarra da autodidatta, mentre lavora nella piccola azienda di famiglia allevando cavalli. Diventa parte di band locali e comincia a farsi conoscere nel territorio salernitano. Solo più tardi scopre di poter anche cantare, diventando frontman di gruppi musicali che lo avvicinano a diversi generi, fino ad arrivare al blues, che più sente appartenergli, partecipando a diversi festival del settore in tutta Italia, fino ad X Factor 2015 come concorrente della categoria Over capitanata da Elio.

Al Baronissi Blues Festival Massimiliano D’Alessandro sarà ospite con i Blues Experience, un progetto che nasce da musicisti salernitani con esperienze pregresse sempre nell’universo emozionale blues. La passione e la ricerca di un’identità roots, di un sound rhythm&blues rielaborato, che propone brani classici e al contempo storici della black-music americana, oltre ad un ricco repertorio di inediti.

A condividere il palco con Massimiliano anche Massimo De Luca  alla chitarra elettrica, che vanta esperienze musicali in ambito salernitano: il pianista Bruno Brindisi, veterano del funky, al basso Roberto Tastardi  e alla batteria Michele Saracino, che da anni milita nella Delta Blues Band di Salerno.

Leggi anche



Articolo precedenteLe condizioni stradali denunciate dall’ACS
Prossimo articoloIl secondo campo scuola de La Solidarietà
Avatar
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).