Home Attualità Baronissi, l'Arpac dice sì al laboratorio di monitoraggio dell'aria

Baronissi, l’Arpac dice sì al laboratorio di monitoraggio dell’aria

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
236,684
Totale Casi Attivi
Updated on 27 October 2020 12:47
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Presto a Baronissi sarà installato un laboratorio che servirà a monitorare la qualità dell’aria e misurare il livello di inquinamento atmosferico

Baronissi. Sarà installato a Baronissi, in via Capacchione, il laboratorio mobile dell’Arpac per il monitoraggio della qualità dell’aria. Il campionamento sarà avviato a breve, non appena il laboratorio mobile, attualmente impegnato in altro sito, sarà disponibile.

A darne notizia è il sindaco Gianfranco Valiante che ha incontrato nei giorni scorsi il commissario straordinario dell’Arpac Luigi Stefano Sorvino per richiedere l’installazione di centraline per la misurazione di eventuale inquinamento atmosferico soprattutto nei pressi dell’area vicina al raccordo autostradale Salerno – Avellino.

Un appello – lanciato da un centinaio di famiglie e sollecitato dal consigliere comunale Francesco De Simone – che ha visto la risposta immediata dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Valiante.

“Il laboratorio mobile – spiega il primo cittadino – sarà posizionato nel parcheggio adiacente la scuola di via Capacchione. In questo modo verrà quotidianamente monitorata la presenza di eventuali inquinanti nell’aria: al termine dei campionamenti – che dureranno circa un mese – l’Arpac ci invierà il report necessario per capire se la presenza delle polveri sottili nell’aria rientra nella norma, così da decidere le azioni da intraprendere per tutelare la salute dei cittadini”.

“Un atto fondamentale – ha commentato l’assessore all’ambiente Serafino De Salvo – mirato alla tutela della salute della popolazione, che permetterà di definire un quadro conoscitivo delle eventuali forme di inquinamento e attivare procedure per il controllo e la riduzione dei rischi”.