Assicurazioni auto, ennesima stangata partenopea



Guidate la vostra autovettura con mille attenzioni, cercando di evitare incidenti o disavventure che poi influiscano sulle classi della cara tanto odiata RC Auto? Tattiche antiche ormai. L’ultimo anno, stando ai dati venuti alla luce dall’annuale ricerca Isvap (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo), è stato davvero poco rassicurante. E ancora una volta è Napoli ad detenere lo scettro di “reginetta dell’aumento”.

Le polizze stipulate nel capoluogo campano, infatti, ammontano, in alcuni casi, addirittura al triplo della media nazionale, arrivando a toccare i quattromila euro per un giovane diciottenne neopatentato; mentre la media nazionale, per lo stesso profilo, stando sempre ai dati ufficiali Isvap, è all’incirca di mille euro in meno. Ad essere più colpiti dall’ennesimo aumento di polizze sono, strano a dirlo, gli automobilisti virtuosi che da anni “risiedono” nelle prime classi non facendo incidenti da tempo: per loro, infatti, dati Isvap alla mano, nel 2012 si è avuto un aumento anche del 13 %. Intanto, proprio a fronte dei continui aumenti in tempo, soprattutto, di crisi, al Senato arriva una proposta per rendere omogenee tutte le polizze a livello nazionale. La vedremo andare in porto?

Leggi anche