Arrigo Sacchi: “Confronto europeo per un calcio moderno”



Come ogni anno, anche per la stagione in corso 2012-2013  si è svolto a Coverciano il confronto tra il Club Italia della FIGC e gli allenatori delle squadre di serie A e B delle categorie Primavera ed Allievi. All’incontro, svoltosi il 5 novembre alla presenza del coordinatore delle Nazionali giovanili Arrigo Sacchi e del suo vice Maurizio Viscidi, erano presenti tutti gli allenatori dell’èlite giovanile italiana.

Mister De Rossi

Non poteva mancare mister De Rossi della Roma Primavera. Intervenuti anche Gianni Rivera quale Presidente Nazionale settore giovanile scolastico, il tecnico Devis Mangia dell’Under 21 e, per un confronto europeo, il tecnico della nazionale Under 21 svizzera Pierluigi Tami.

Mister Bollini

Anche mister Bollini della Lazio Primavera, ai lavori iniziati da Arrigo Sacchi. Il coordinatore delle Nazionali giovanili ha espresso il concetto fondamentale, nel calcio moderno, del confronto europeo. Senza un vero ricambio generazionale il calcio rischia di scomparire. Sacchi ha espresso la necessità di investire nel settore tecnico e nel suo aggiornamento continuo, non perdendo mai d’occhio i modelli europei.  Su quarantadue clubs professionistici si è vista la quasi totalità di partecipazione con quaranta presenze.

Saurini e Pulvirenti

Anche Napoli e Catania con mister Saurini e Pulvirenti. Alla lezione in aula nel centro di Coverciano è stata alternata anche una prova pratica sul campo. Nel pomeriggio infatti il confronto internazionale tra Devis Mangia della Nazionale U.21 italiana ed il suo collega svizzero Pierluigi Tami, che hanno svolto esercitazioni con ragazzi delle giovanili della Fiorentina. Esperienza importante anche per l’altro mister Primavera dei professionisti campani della Juve Stabia Mario Turi.

In riferimento alle giovanili di un tempo, c’è da dire che il calcio italiano sta muovendo passi da gigante nel settore giovanile.  Con la riforma sull’età del campionato Primavera, non si creano più seconde squadre come esiste ancora in Europa, ma un vero e proprio serbatoio che cresce in prospettiva della prima squadra. Dopo la prova sul campo, i lavori sono poi continuati e conclusi in aula sempre dal Coordinatore delle Nazionali che ha tenuto molto a sottolineare i successi del calcio spagnolo dovuti al ricambio generazionale ed ha ribadito la filosofia del lavoro tecnico che deve mettere in evidenza il gioco.  La tecnica individuale del singolo deve asservire al gioco collettivo perché la vittoria scaturisce dal gioco: undici giocatori devono essere messi in campo e devono muoversi come uno solo.

Catello Gargiulo

Dalla voce di mister Catello Gargiulo (Allievi Naz. Juve Stabia) le sue considerazioni:

“Bellissima esperienza, confronto formativo e soprattutto apertura mentale a nuove idee. Il confrontarsi con una realtà nazionale e sopratutto con tecnici di altissimo spessore mi ha dato la possibilità di arricchire il mio bagaglio tecnico. Io sarei propenso a confronti più frequenti di tale levatura perché nel nostro settore, in cui ogni giorno siamo chiamati ad educare giovani, abbiamo sempre da imparare per trasmettere il meglio di noi stessi”.

 

Leggi anche



Articolo precedenteStefano Accorsi e Nina Savary a Salerno per “Orlando Furioso”
Prossimo articoloAvellino, in migliaia in piazza contro il taglio delle province
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...