Amabile e Valiante incontrano l’ambasciata palestinese



Nei prossimi giorni partirà la raccolta di medicinali per il popolo palestinese

Una raccolta farmaci per il popolo palestinese. Ad organizzare l’iniziativa il primo cittadino di Baronissi Gianfranco Valiante insieme agli altri comuni della Valle dell’Irno con il suggerimento dell’attivista Angelo Orientale. Un aiuto concreto verso un popolo martoriato dai bombardamenti e dalla guerra. “La nostra azione di governo è costantemente improntata verso l’aiuto a chi soffre – dichiara il sindaco di Baronissi durante l’incontro con il funzionario dell’Ambasciata di Palestina in Italia Odeh Armaneh – come il popolo palestinese che da anni subisce tanto dolore a causa della guerra. Una situazione drammatica che la diplomazia occidentale, nonostante i tanti proclami e le dichiarazioni d’intenti, non è riuscita ancora a risolvere. Con questa raccolta di farmaci – continua il sindaco – vogliamo dare un importante segnale di vicinanza ai tanti che soffrono, confidando nella sensibilità dei cittadini di Baronissi e dei comuni limitrofi“. Parole di solidarietà anche dal sindaco di Fisciano Tommaso Amabile che ricorda la vicinanza con i palestinesi: “Il Comune di Fisciano e più in generale il territorio della Valle dell’Irno, è tradizionalmente vicino alla Palestina, basti ricordare dell’accoglienza che alcuni anni fa riservammo al leader dell’Olp Yasser Arafat. La solidarietà e la condivisione – continua il primo cittadino – sono gli impegni primari che un’amministrazione comunale attenta deve sempre tenere in conto.”

palestineseUn sentito ringraziamento da parte di Odeh Armareh: “La relazione tra la Palestina e questo territorio è storica e speriamo di continuare su un percorso di piena collaborazione politica e sociale. Proprio il 16 settembre di trentadue anni fa – ricorda il delegato dell’ambasciata – un campo di rifugiati palestinesi in Libano fu duramente attaccato dall’esercito israeliano. Noi come ambasciata ci stiamo impegnando a sensibilizzare il popolo e le istituzioni italiane su questi continui massacri dell’esercito israeliano che proseguono incessantemente. Ancora oggi, infatti, il mio popolo soffre di attacchi e continui bombardamenti che non risparmiano scuole, ospedali, chiese, moschee ed addirittura cimiteri; ora abbiamo urgentemente bisogno di medicinali perché molte persone sono rimaste gravemente ferite nel corso dei recenti raid aerei.” La modalità di consegna dei farmaci saranno comunicate nei prossimi giorni sul sito del Comune di Baronissi e degli enti che partecipano all’iniziativa.

Leggi anche