La Provincia di Salerno è in bolletta. Tenta di far cassa mettendo all’asta alcuni tesori

salerno
Immagine da Pixabay

La Provincia di Salerno mette sul mercato oltre a terreni e appartamenti anche lo storico complesso di “Piantanova”

Ennesimo tentativo della Provincia di Salerno di far cassa con la vendita di alcune proprietà per sistemare il Bilancio che risente, sempre di più, dei tagli statali. Ripropone, quindi, il piano dell’alienazioni e valorizzazioni dei “beni immobili provinciali, non strumentali all’esercizio delle funzioni istituzionali dell’Ente”. Il tesoretto, in totale, teoricamente vale 12 milioni 569mila euro.

L’elenco comprende 8 immobili e un terreno. La Provincia di Salerno, guidata dal presidente Giuseppe Acanfora, mette all’asta i beni immobili compresi nel Piano provinciale delle alienazioni e valorizzazioni.

Cinque gli immobili in vendita a Salerno, come riportato da La Città: un appartamento in via De Martino, di 212 metri (892.000 euro); due appartamenti in via Tasso, attualmente fittati, entrambi di 160 metri quadrati, (rispettivamente 482.000 euro e 665.000 euro); un locale commerciale in Piazza Matteotti, fittato al momento, di 38 metri quadrati (46.000 euro); un locale terraneo commerciale in Vicolo Ruggi D’Aragona (bene condotto in locazione), un immobile di 60 metri quadri, oltre al soppalco di 10 metri quadrati (309.000 euro).

E ancora un’area di sedime ex casa cantoniera e terreno circostante a Ponte Barizzo, sulla Sp11 a Capaccio Paestum, (immobile libero), un ex fabbricato in muratura su due livelli di 294 metri quadrati, demolito a tutela della pubblica incolumità, con giardino esterno di 487 metri quadri circa, del valore di 61.000 euro; bosco Lucarelli a Nocera Inferiore, un terreno con fabbricato rurale, un agrumeto di 9928 metri quadrati, con annesso fabbricato rurale di 131 metri quadrati (150.000 euro); un locale con tre garage, in via Pisacane a Sala Consilina, a piano terra per un 268 metri quadrati, per un valore di 310.000 euro. All’asta anche l’area nei pressi dell’istituto Profagri Battipaglia.

Da almeno cinque anni l’Ente tenta di liberarsi del complesso Piantanova in piazza Matteotti a Salerno, nel cuore di via Mercanti. Il prezzo di vendita è sempre lo stesso: 9 milioni e 700mila euro. Nessuno sconto ai possibili acquirenti, nonostante negli anni scorsi nessuno abbia mostrato interesse. Un bene stoico, in cui risiedono le suore e che ospita pure un asilo comunale, non può essere svenduto. Probabilmente, questa circostanza non alletta i possibili investitori.