Baronissi, restaurata l’antica edicola votiva dedicata a Santa Lucia

Baronissi

È stata restituita al culto dei fedeli l’edicola votiva a Capo Saragnano di Baronissi dedicata a Santa Lucia

Baronissi L’edicola maiolicata di fine 1700, come spiegato nel corso della cerimonia di inaugurazione dallo storico dell’arte Stefano Esposito, fu costruita con molta probabilità per volontà dei Borboni per rispettare un “ex voto”, dopo la cacciata dei francesi.

Fa pensare a un “ex voto” la posizione dell’edicola votiva, ai piedi del monte Diecimari; dall’altra parte della montagna vi è infatti la frazione Santa Lucia di Cava con un’edicola “gemella”. Oltre al lato religioso c’è anche un’altra spiegazione: in un’epoca in cui l’illuminazione pubblica non esisteva i ceri erano utili ad illuminare le strade.  Con il recupero, l’amministrazione comunale ha scongiurato che un pezzo di storia se ne andasse per sempre.

Il restauro di quest’ultima edicola rappresenta un nuovo tassello nel progetto di recupero di una parte del grande patrimonio artistico del territoriospiega il sindaco Gianfranco Valianteè un segnale concreto per valorizzare la grande ricchezza artistica e culturale della nostra città. Riportare allo splendore originario queste edicole votive significa rilanciare la cultura, la storia e l’arte locale”.