Home » Territorio » Agro nocerino-sarnese » Ginestre e libri proibiti, Luciana Gravina racconta il suo romanzo

Ginestre e libri proibiti, Luciana Gravina racconta il suo romanzo

È stato presentato ieri, venerdì 24 marzo, il romanzo di Luciana Gravina ” Ginestre e libri proibiti ” presso la libreria Mondadori di Nocera Inferiore

Tanto interesse e soprattutto tanta cultura linguistica, storica e locale ieri alla libreria Mondadori di Nocera Inferiore in occasione della presentazione del romanzo di Luciana Gravina ” Ginestre e libri proibiti “. In tanti hanno preso parte all’evento organizzato dal Centro d’Arte e Cultura “La Sfinge”, catturati dal fascino misterioso di un libro che ha tanto da raccontare.

Molto dettagliate e quasi passionali le analisi critiche delle prof.sse Redente Formisano e Pina Esposito, che hanno esaminato l’opera nei minimi particolari attraverso interventi chiari, precisi e al limite della perfezione. A catalizzare l’interesse dei presenti, le encomiabili interpretazioni dell’attore Valerio Conturso che si è ottimamente immedesimato nei personaggi di vari passi del romanzo.

Il connubio perfetto tra parole e musica è stato reso possibile grazie agli intervalli musicali a cura del Maestro Pierluigi Labraca, un giovane talento nocerino che ha deliziato i presenti con opere classiche eseguite al pianoforte.

Descrizione dell’opera:

“Ginestre e libri proibiti” è un romanzo storico condotto secondo cliché tra vero e verisimile ambientato in un’epoca soffocante, ma anche densa di fermenti sotterranei. Una Inquisizione perversa e prevaricatrice, il diritto alla lettura dei libri (soprattutto quelli proibiti) vissuto come colpa, il pensiero divergente punito come delitto, un susseguirsi di fatti e di eventi in cui l’amore e l’odio, la magia, la miseria, la grazia aristocratica, le grettezza, l’acume intellettuale, la vendetta, la vita, la morte si mescolano con naturalezza, ma anche con audacia. Il tutto in una location poco frequentata: la magica terra cilentana. Il racconto prende avvio da una mattina importante, perché in Terra Turracae, il giorno 3 maggio 1667, si festeggia l’investitura a vescovo del barone Giovan Giacomo Palamolla. Questa nomina a vescovo, agli occhi di don Biagio Gravina, compagno di seminario, amico del cuore e di avventure del neovescovo, appare pesante di un mistero che il protagonista è deciso a scoprire a ogni costo. Comincia qui l’analisi dei fatti, degli avvenimenti, delle parole e di quant’altro aiuti a fare luce sui punti oscuri di questa vicenda.

La Photogallery:

 

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Emilio Tortora

Emilio Tortora
Aspirante giornalista, mediatore sociale, blogger e laureando in lettere moderne presso l'Università degli Studi di Salerno. Ogni cosa che ci circonda ha un fine da scoprire, spetta a noi andare a cercarlo con tutti i mezzi a disposizione

Leggi anche ..

fisciano

Fisciano, al via l’ampliamento della rete di distribuzione per il gas metano

Saranno diverse le strade del territorio di Fisciano interessate dall’ampliamento della rete di distribuzione per …